POLO
                                                                                       
Prima serie

La prima serie della Polo che, debuttò in Germania nel 1975,  differiva dalla Audi 50 (presentata nel ’74) semplicemente nel marchio. Le due case automobilistiche continuarono a vendere contemporaneamente i due modelli fino al 1978 quando la Audi 50 venne ritirata in favore della Polo. Per la linea coupé e i motori piuttosto vivaci, riscosse molto successo tra il  pubblico giovanile. Le motorizzazioni previste avevano cilindrata compresa tra i 900 e i 1.3 a seconda delle versioni, dal modello base N alla più accessoriata LS e alla sportiva GT. Sulla stessa meccanica venne presentata anche una versione berlina a tre volumi, la Volkswagen Derby. La prima serie rimase invariata sino al 1979, quando ci fu un restyling sia per la Polo che per la Derby. Nel 1981 terminò la produzione con circa 500.000 esemplari all’ attivo.

Seconda serie                                                                                      
Nell ‘81 uscì la seconda serie della Polo, che mostrava modifiche sostanziali al posteriore. Essa fu prodotta in due versioni: la Coupé, con la coda inclinata simile al modello precedente, e la Wagon, con la coda tronca e la parte posteriore leggermente aumentata in volume che la rendevano simile ad una piccola station wagon. Le vendite si indirizzarono prevalentemente sulla versione Wagon. Nell’ 85 fu introdotto anche un modello a tre volumi denominato Classic, che sostituisce la Derby.
Tra le versioni a serie limitata vi era la Polo 1.1 HB "FORMEL E", modello più raffinato ed elegante delle normali versioni, curato nei dettagli, con molteplici cromature e spoiler posteriore, oltre ad un motore più contenuto per quanto riguardava i consumi. Negli stessi anni, in seguito all'acquisizione della casa spagnola SEAT, la produzione venne proseguita anche in terra iberica. Nel 1990 venne eseguito un grosso restyling che vide un rinnovamento nella parte frontale e che adottò una linea più arrotondata. Le modifiche interessarono soprattutto gli interni e la sicurezza. Il modello GT venne equipaggiato con un motore 1300 con compressore volumetrico da 115 CV. La Polo seconda serie venne prodotta fino al 1994.

Terza serie (6N)                                                                                     
Nel 1994, abbandonato il modello station wagon, la terza serie viene completamente rinnovata presentandosi al pubblico nella versione 3/5 porte, con un design più conforme a quello delle concorrenti. Condivide la meccanica con la Seat Ibiza e molti particolari con la sorella maggiore Golf. La motorizzazione varia dai 1.1 ai 1.6 e vede l’introduzione dei motori turbodiesel. Nel ’95 troviamo anche la Polo Classic berlina tre volumi, non commercializzata in Italia. Sempre nel ’95 viene presentata la celeberrima versione “Harlekin” o “Harlequin” (prodotta in 3800 esemplari), caratteristica per la sua carrozzeria multicolore, livrea che in seguito verrà ripresa anche dalla Golf. Sullo stesso pianale nel ’97 nasce la Polo Variant, versione familiare costruita in Brasile. 
© Registro Italiano Volkswagen - Via Traversetolo, 33 - 43022 Piazza di Basilicanova (PR) - Tel. 0521.68.30.18 - info@registro-italiano-vw.it
Privacy | Website by Clicom