HERBIE
Nella storia cinematografica esistono dei film più importanti di altri. Questi film, che non ci stancheremo mai di vedere e rivedere, in alcuni casi, sono la base e il simbolo di una cultura generazionale. Ed è ciò che i film di Walt Disney, con protagonista Herbie, rappresentano per tutti gli appassionati di VW.
Possiamo vantarci di avere la nostra Star cinematografica!
Non vi presenterò quindi Herbie, che tutti conoscete e che vi ha trasmesso l'amore per le VW fin da piccoli.“ Ha un cuore grande così” era la presentazione della nuova Star nel 1969!
Modesto all'apparenza, non molto bello, ne grande ne piccolo, piuttosto tozzo, molto sentimentale e pieno di attenzioni e cure per chi gli vuole bene! Questo è Herbie, un maggiolino unico, un super bolide! Una VW dalla forte personalità con cui tutto è possibile! Herbie, che attraversa mille peripezie ed avventure è veramente “qualcuno”!
Quando una vettura dà prova di tanta naturalezza è “normale” crederla “viva”.
Essendo alla ricerca di una “vedette” per il loro nuovo film, i responsabili di produzione della Walt Disney, parcheggiarono molte vetture di marche diverse davanti al ristorante degli studios, e ci volle davvero poco tempo per capire che la vettura che attirava le simpatie degli impiegati era il maggiolino! La personalità del maggiolino aveva superato la prima prova e fu promosso “attore”, ora bisognava sedurre il pubblico!
Ci voleva il tocco geniale per fare di quest'attore una star!
Bill Walsh, il produttore del primo film, mettendo in scena il film ebbe un idea; guardando una partita di baseball in tv, notò che il miglior giocatore della squadra per cui tifava, aveva il numero 53! Superstizioso com'era decise che Herbie avrebbe avuto lo stesso numero!

Herbie in gara

Dopo un piccolo maquillage, durante il quale il nostro maggiolino ricevette una banda adesiva tricolore e i famosi numeri 53, fu pronto per le telecamere e… il pubblico.
Herbie fu la prima auto ad avere un passaporto ufficiale da cittadino degli Stati Uniti! Fu anche la prima vettura, nel 1977, ha imprimere l'impronta dei suoi pneumatici nel cemento dell'Hollywood Boulevard di Los Angeles, al fianco delle impronte di Marilyn Momroe e Clark Gable!
Nei film, Herbie è capace di tutto, vince le più grandi corse in “Un maggiolino tutto matto”, combatte un toro infuriato in “Herbie sbarca in Messico”, vince un rally e risolve un'indagine poliziesca in “Herbie al rally di Montecarlo”, una vettura dalla forte personalità, ancora oggi ambasciatrice delle numerose VW in circolazione!
Nel secondo film, “Herbie il maggiolino sempre più matto”, grazie alla fantasia e alla perizia di tecnici e addetti agli effetti speciali le avventure di una macchina diventano un film magico e fantasioso!
Sempre in questo film, Herbie ha smesso di gareggiare, ma non ha perso la sua verve, e dopo avere radunato molte altre VW si barrica davanti alle ruspe che vogliono demolire la casa della sua proprietaria per costruire un gigantesco grattacielo! Lo si vede anche scorazzare per i corridoi dell'Hotel Sheraton!
Anticipando la realtà gli studios Disney hanno sovente utilizzato vetture con delle trovate particolari.
Coraggioso e intelligente, ma geloso e orribilmente suscettibile, Herbie ha un temperamento di fuoco.
Cosi, invece di raccontare la storia di un uomo appassionato di auto, i film raccontano di una piccola auto che incarna il sogno segreto o incosciente di tutti gli uomini innamorati della propria vettura, un sogno fantastico dove la passione sarà ripagata.
La storia strana e sorprendente di una VW con reazioni umane, testimonia perfettamente lo spirito della produzione di Walt Disney.
“Se in futuro, le vetture assomiglieranno al nostro Herbie le strade saranno un posto dove ridere perennemente” dichiarò Robert Stevenson, il produttore dei primi due film.
Quando si tratta di un maggiolino ci sono poche cose che Danny Lee non sa, e non è ne un ingegnere ne un meccanico della VW!
No, Danny è specializzato nei “trucchi” cinematografici!

Ha firmato molti film e, alla fine degli anni '60 era a capo della squadra degli effetti speciali Disney, fu cosi che ebbe modo di conoscere approfonditamente i maggiolini.
Ha infatti lavorato a tutti e quattro i film prodotti per il cinema.
In “Herbie sbarca in Messico” Danny si è superato, infatti in questo film Herbie, che viene soprannominato Ocho da un bambino messicano, (numero 53, 5 + 3 = 8, ocho in spagnolo) attraversa il canale di Panama, combatte una corrida e tenta di non far decollare un piccolo aereo tenendolo per la coda… “Ogni nuovo film è una sfida, per noi specialisti degli effetti speciali l'impossibile non deve esistere” afferma Danny Lee.
“Questa volta oltre ai classici trucchi come la guida senza autista, le ruote che sterzano indipendentemente l'una dall'altra, le corse a folle velocità abbiamo dovuto studiare delle nuove astuzie. La quantità e la diversità degli effetti speciali ci hanno imposto più problemi che gli altri tre film riuniti”.
Ventisei sono i maggiolini che sono serviti a Danny Lee ad alla sua equipe per realizzare “Herbie sbarca in Messico”, un lavoro colossale in confronto ai dieci richiesti per ognuno dei precedenti film.

UN VERO HERBIE

Kevin Northon, un americano appassionato di Herbie, ha comprato nel 2001 un esemplare usato in “Herbie sbarca in messico”.
Precedentemente, questo Herbie era di proprietà di Daryl Adams e risiedeva nella sua collezione privata a Palm Beach.
Secondo i dati in possesso di Kevin, quest'esemplare ha partecipato a diversi film a partire dal primo, (è molto probabilmente il primo utilizzato ed all'interno del paraurti ha ancora l'adesivo 1) per finire con “Herbie sbarca in Messico”. Infatti, oggi si trova nella configurazione “Messicana”, e si possono ancora intravedere sulla portiera i fiori disegnati dal bambino che lo soprannominò Ocho!
La corrosione presente è finta, creata ad hoc per il film, e le gomme sono ancora quelle utilizzate nel 1980!
All'interno si possono notare differenti modifiche fatte per rendere il maggiolino “vivo”, parti del cruscotto sono state tagliate ed al posto del divano posteriore c'è l'alloggiamento per cameraman e telecamera!
In alcune scene, al posto del cameraman c'era un tecnico che interveniva sul circuito idraulico in grado di alzare o abbassare il maggiolino.
Altra particolarità di questo esemplare sono gli ammortizzatori rinforzati ed i freni delle Porsche 356.
Alcune parti del telaio sono state rinforzate per compensare i tagli fatti alla scocca.
Il motore non è quello originale ma bensì quello di una 356, questo maggiolino non è comunque uno di quelli che facevano le impennate ai semafori!
Sono visibili anche le modifiche che permettevano di pilotare Herbie a distanza, così come la finta autoradio i cui pomelli e tasti azionavano i vari trucchi.
L'interno è inoltre verniciato in grigio satinato per evitare i riflessi durante le riprese.
Attualmente sono stati censiti undici esemplari di Herbie autentici!
Daryl Adams, il primo proprietario dell'Herbie fin qui descritto, ne possiede anche degli altri.
Tutti gli esemplari hanno un numero progressivo all'interno dei paraurti, cosi da poterli distinguere, anche se, naturalmente, non sono tutti uguali.
Un adattamento utilizzato sulle VW dei film era quello che permetteva di impennarne il muso.
Modificarono il posteriore delle auto installando un ingegnoso sistema di ancoraggio che permetteva di alzare l'auto di 45°!
Alcuni esemplari sopravvissuti sono in pessimo stato di conservazione, la ruggine è reale, ma si possono notare dei particolari interessanti come i sedili con schienale sportivo in stile tipicamente americano o le cerniere speciali dei cofani anteriori.
Questi hanno dei pistoni idraulici, che permettevano di alzare e fermare in qualsiasi posizione il cofano stesso (praticamente tutti gli esemplari hanno questa modifica!).
Molti esemplari, per alleggerirli al massimo, hanno molte parti di carrozzeria in vetroresina ed altre, come radio, pedane ed addirittura cerchi in plastica.
Altri Herbie hanno due avantreni, uno davanti ed uno dietro, ed opportunamente collegati permettono di muoversi trasversalmente.
In alcune scene in cui Herbie si muove senza pilota, in realtà un addetto è sdraiato al posto del sedile del passeggero, e con volante e pedali “riportati” anche nella parte destra della vettura guida alla cieca!
Anche gli Herbie sono delle vere auto da collezione e seppur non in perfetto stato sono molto ricercate dagli appassionati di tutto il mondo!
Moltissimi anche i gadget ed i modellini che hanno Herbie come protagonista.
Un binomio, quello tra Walt Disney e la Volkswagen , che ha sicuramente contribuito al successo del maggiolino!

(Tratto da Super VW Magazine n°137)

FILMOGRAFIA

Un maggiolino tutto matto 1969
Herbie il maggiolino sempre più matto 1974
Herbie al rally di Montecarlo 1977
Herbie sbarca in Messico 1980
Il ritorno del maggiolino tutto matto 1994 (Film TV)
© Registro Italiano Volkswagen - Via Traversetolo, 33 - 43022 Piazza di Basilicanova (PR) - Tel. 0521.68.30.18 - info@registro-italiano-vw.it
Privacy | Website by Clicom